Archivio mensile:maggio 2017

Eni e le AACC firmano un protocollo contro le attivazioni non richieste

Energia: le Associazioni dei Consumatori del Consiglio Nazionale Consumatori e Utenti (CNCU) ed Eni hanno sottoscritto, lo scorso 24 maggio,  un protocollo per contrastare le attivazioni contrattuali non richieste e pianificato un Osservatorio congiunto che dovrà contribuire a prevenire questo fenomeno rafforzando la tutela dei consumatori e la reputation aziendale.

In una nota stampa Eni dichiara che “l’Osservatorio consentirà di prevenire e monitorare al meglio il fenomeno delle attivazioni non richieste grazie a strumenti quali un modulo on line per le segnalazioni sul sito eni.com Area Consumerismo, le testimonianze dirette delle Associazioni nella formazione dei partner commerciali di Eni e un sistema di monitoraggio che consente il miglioramento continuo della qualità nell’offerta commerciale di Eni.

Con questa firma Eni, che crede al dialogo costante con gli stakeholder del mondo consumeristico, mette a disposizione delle Associazioni dei Consumatori, in modo trasparente e condiviso, uno strumento in più per tutelare i diritti dei consumatori/clienti.”

Il protocollo sottoscritto rappresenta un ulteriore passo in avanti verso la risoluzione di una delle principali problematiche riscontrate dalle associazioni dei consumatori e dai cittadini stessi in ambito di utenze e consumi.

Fonte : assoutenti.it

La tutela dei disabili e la nuova guida per il cittadino

Da oggi è scaricabile la guida “Dopo di noi”

Si tratta della 14° guida per il cittadino con la quale  Notariato e Associazioni di Consumatori cercano di rendere più facilmente accessibili gli strumenti giuridici di primaria importanza per affrontare situazioni sociali complesse e dolorose con maggiore consapevolezza e con il necessario sostegno.

La tutela delle persone con disabilità rappresenta una forte esigenza sociale. È importante avere strumenti idonei a garantire al disabile, per tutta la durata della vita, un’assistenza non solo morale ma anche materiale rispettosa della sua dignità.

cover-guida-jpg

Fonte : assoutenti.it

Mangia sano, mangia siciliano : Tre giorni dedicati ai prodotti siciliani !

Clicca per ingrandire

Il 12, 13 e 14 maggio presso il centro commerciale Etnapolis di Belpasso (CT) nello spazio Etnafiere, si terrà l’Expo CamBIOvita, che permetterà di conoscere meglio e toccare con mano i veri cibi di qualità, in particolare nella giornata di sabato 13 sarà possibile partecipare alla conferenza del progetto Mangia Sano, mangia siciliano promosso dal Codacons Sicilia, con la partecipazione delle associazioni dei consumatori Assoutenti, Confeuropa Consumatori, Consaambiente, Codici Sicilia e Udicon.

Il progetto Mangia sano, mangia siciliano è una iniziativa  che si prefigge principalmente attività di divulgazione delle conoscenze del patrimonio agroalimentare di Sicilia e di incentivazione al consumo dei suoi prodotti di eccellenza.

Il Codacons Sicilia, Assoutenti e le altre associazioni dei consumatori menzionate partecipano per dare il proprio contributo alla tutela del patrimonio agroalimentare siciliano, sempre più minacciato dalle continue trasformazioni legate alla globalizzazione dei mercati che sottopongono molti prodotti tipici, e non solo quelli siciliani, ad una concorrenza sempre più aggressiva ed agguerrita.

Pagate le bollette on line? Attenti alle commissioni. GDF SUEZ multata per 200mila euro

L’Autorità ha chiuso il procedimento istruttorio avviato nei confronti  di Engie Italia S.p.a.(“Engie”) – già GDF Suez Energie s.p.a., sanzionandola per 200.000 euro per pratica commerciale scorretta, in violazione dell’art. 62 del Codice del Consumo.

L’azienda consentiva di pagare sul proprio sito on line le bollette relative ai consumi elettrici e di gas naturale con carta di credito, previa applicazione di commissioni di importo crescente in ragione del valore della fattura (pari a: €1,50 per importi fino a €200,00; €3,00 per importi compresi tra €200,01 e €300,00; €4,00 per importi compresi tra €300,01 e €400; €5,00 per importi superiori a €400,00).

L’Autorità ha ritenuto che l’applicazione di questa commissione aggiuntiva, la cui esistenza non è stata messa in dubbio dall’azienda, fosse  in contrasto con l’art. 62 del Codice del Consumo che prevede un divieto generale di applicare ai consumatori spese aggiuntive per l’utilizzo di determinati strumenti di pagamento, salvo nei casi espressamente previsti. Pertanto, in assenza di una specifica deroga, l’Autorità ha ritenuto che la citata norma valga nei confronti di tutti i soggetti e per tutti gli strumenti di pagamento.

La condotta sanzionata è stata adottata da Engie a partire dal giugno 2014, data di entrata in vigore della citata disciplina, e protratta fino al 28 febbraio 2017, data in cui la società ha reso gratuito il sistema di pagamento on line delle bollette.

Considerato che l’applicazione di costi aggiuntivi per l’utilizzo di alcuni strumenti di pagamento è utilizzata anche da altri operatori del settore energia, l’Autorità ha avviato altri cinque nuovi procedimenti, nei confronti di Edison Energia S.p.a, Green Network S.p.a, Sorgenia S.p.a, E. On Energia S.p.a e A2A Energia S.p.a

Fonte : consumerismo.it

Link all’articolo

Roaming addio : da metà giugno tariffe per chiamate ed sms identiche alle nazionali anche all’estero

A partire dal 15 Giugno 2017 Una telefonata e un sms costeranno lo stesso – con un cellulare, con una sim italiana – anche durante le nostre vacanze a Berlino, Madrid o Parigi.I consumatori europei potranno quindi viaggiare all’interno dell’Unione Europea pagando lo stesso prezzo del Paese in cui si risiede, senza ulteriori costi.

Il Roaming infatti è un particolare sistema utilizzato in particolare dagli operatori telefonici di telefonia cellulare per permettere agli utenti mobili di collegarsi tra loro eventualmente utilizzando anche una rete non di loro proprietà dietro una quota di pagamento all’altro operatore. Attraverso il roaming, quindi, l’operatore consente all’utente la possibilità di utilizzare il servizio in tutta la nazione e oltre.

Il Roaming può essere anche di tipo “involontario” e ciò si verifica quando un telefonino è vicino al confine della nazione di appartenenza agganciandosi ai ripetitori della nazione vicina, così che le chiamate partono da quella nazione.Di questo problema si sono fatte interpreti associazioni di consumatori che hanno organizzato iniziative per chiedere di modificare i sistemi di trasmissione delle compagnie nazionali per evitare eccessivi aggravi di spesa per gli utenti delle città di confine. Il 15 giugno 2017 come detto verrà abolito il Roaming Internazionale tra i paesi membri e verranno applicate tariffe identiche in tutti e 28 gli stati, considerando l’UE come un’unica grande nazione.